SOLUZIONE IDROSALINA

soluzione idrosalina SALGEMMACOME SI PREPARA LA SOLUZIONE IDROSALINA?

Metti alcuni pezzotti di sale rosa Himalayano in un recipiente (pulito) di vetro dotato di coperchio e ricopri con acqua di fonte di buona qualità.

Attendi 24 ore:  se ci sono ancora pezzotti di sale sul fondo la soluzione è PRONTA in quanto satura di sale al 26%.

Se dopo le 24 ore i pezzotti di sale sono invece tutti sciolti, allora aggiungine altri e attendi altre 24 ore.

LA SOLUZIONE COSI’ PREPARATA NON HA SCADENZA, è inattaccabile da batteri e funghi (dunque sterile) e privo di odore.

L’energia del sole è vantaggiosa per l’acqua salata, perciò la conservazione della soluzione idrosalina in una stanza ben assolata è la scelta migliore.

COME DI USA LA SOLUZIONE IDROSALINA?

L’assunzione ogni mattina a digiuno della soluzione idrosalina è una possibilità concessa all’organismo di liberarsi dalle tossine e di energizzarsi.

Ogni mattina, a digiuno, bevi un bicchiere d’acqua (minerale) a cui avrai aggiunto un cucchiaino della tua Soluzione Idrosalina.

Durante la giornata continua a bere acqua per favorire l’espulsione di depositi e tossine.
Avrai una efficace pulizia dell’intestino, del colon, e una pelle del viso più luminosa, perché priva di scorie.

E’ possibile nei soggetti più sensibili un peggioramento iniziale nel corso della disintossicazione (a livello intestinale per esempio) che scompare continuando quotidianamente l’assunzione della soluzione idrosalina. Il peggioramento iniziale è un effetto che ritrovi anche nella omeopatia.

La soluzione idrosalina è depurante, disintossicante, rinvigorente: è utile per una infinità di soluzioni.
Eccone alcune:

  • riequilibra il pH della pelle
  • problemi della digestione
  • herpes labiale, punture di insetti, malattie della
  • raffreddore e allergie ai pollini
  • mal di gola
  • salute di denti e gengive
  • reintegrazione di minerali in caso di intensa sudorazione

Inoltre:

  • pura e imbevuta su una garza sterile—> per la cura di micosi e verruche, herpes labiale.
  • gargarismi —> per lenire e superare velocemente il mal di gola.
  • con impacchi —> per risolvere contusioni, stiramenti muscolari

ma anche nel caso di:
– artrite, artrosi, osteoporosi, insonnia, ansia, difficoltà di concentrazione, disturbi femminili, disintossicazione da metalli pesanti, problemi di fegato e delle vie biliari, problemi della vescica,….

La soluzione può essere utilizzata anche come soluzione fisiologica nell’aerosol, per lavaggi nasali e oculari. In questo caso dovrai diluire la soluzione idrosalina affinché diventi all’1%.

Soluzione idrosalina così com’è nel barattolo di vetro = 26%
Soluzione per aerosol e lavaggi nasali o oculari = 1%

Per preparare una soluzione all’1%: prendi un cucchiaino di soluzione fisiologica al 26% e diluisci in un bicchiere colmo di acqua.

 

Raccomandazioni:

  • Rabbocca di acqua man mano che il livello di soluzione idrosalina scende
  • Reintegra di uno o più pezzotti di sale Himalayano quando quelli messi in precedenza sono sciolti del tutto: dovrai sempre avere pezzotti visibili sul fondo!
  • Utilizza acqua pura e minerale (non effervescente): non va bene l’acqua del rubinetto né ovviamente quella demineralizzata
  • Utilizza solo Sale Rosa Himalayano: a differenza del sale comune da cucina, è incontaminato, purissimo, privo di agenti inquinanti, sbiancanti e ricco di più di 80 minerali e oligolementi.

Pezzotti di sale rosa Himalayano in vendita presso SALGEMMA LA GROTTA DI SALE – Cassino

Annunci

“mi sono rivolta a Salgemma come la mia ultima spiaggia!….”

thank-you

Abbiamo raccolto il feedback della nostra cliente Elena Varriale.

Ecco le sue parole:

” Mi sono rivolta a Salgemma quasi come ultima spiaggia!
Non conoscevo la grotta e la mia bimba doveva guarire in 72 ore da un pesante raffreddore per poter subire un delicato intervento chirurgico.
Dopo aver provato i metodi “tradizionali” ma senza risultati, ho provato la grotta Salgemma.
Ebbene, in tre giorni “intensi” di sedute ho risolto ogni problema.

Per di più ho scoperto una serie di tisane con cui la mia bimba ha iniziato a fare colazione…

Sono soddisfatta da ogni punto di vista.”
Elena Varriale

Siamo stati molto soddisfatti di aver contribuito a questo risultato, e felici che la bambina sia poi tornata da noi in Grotta dopo aver subito l’intervento chirurgico, che è andato perfettamente.

 

 

Salgemma non sostituisce terapie tradizionali né diagnosi mediche. Rappresenta un coadiuvante naturale.

 

 

 

FEEDBACK: “Mio figlio aveva sempre una tosse secca e stizzosa…”

“Ho conosciuto la Grotta tramite internet cercando notizie sul come curare in modo naturale disturbi dell’apparato respiratorio.

Questo considerando che mio figlio frequentemente doveva assumere cortisone per curare tosse secca e stizzosa, cui seguiva la terapia con antibiotico. Ero stanca di vedermi costretta a dargli tanti farmaci. E ho voluto provare la Grotta.

Abbiamo fatto 3 cicli da 10 sedute in Grotta frequentando 2 volte a settimana: a distanza di mesi mio figlio ha avuto ugualmente qualche disturbo ma minori dell’anno scorso e i sintomi sono stati lievi.

Riscontrando questi benefici sto consigliando la Grotta a tutti, e non solo per migliorare disturbi respiratori ma anche perché è molto rilassante. Una bellissima esperienza da fare.

g1

Accoglienza e cordialità da parte del personale, ottime le tisane e il cioccolato a fine seduta.
Sicuramente torneremo volentieri nei prossimi mesi.

(Gerarda Valente)

Visita il nostro sito, http://www.salgemma.eu, nella sezione “Grotta Family” troverai importanti indicazioni circa l’ambiente della Grotta e altri articoli correlati da leggere.

Non esitare a contattarci per esporre qualsiasi tipo di dubbio.
Ci trovi a Cassino, via degli eroi.
Prenota qui: 0776-326009
328-2710655 (anche Whatsapp)

thank-you

Interessato a leggere recensioni di altri clienti?

Bene! Clicca su questi collegamenti, troverai numerosi feedback di genitori che come te hanno provato le sedute nella nostra Grotta: l’unica creata con materiali autentici.

 

 

Le sedute in Grotta rappresentano una metodologia di trattamento naturale: Salgemma non può, e non intende in alcun modo, sostituire l’importante funzione diagnostica e terapeutica della medicina, della psicologia e della psichiatria.

“L’aria che si respira al suo interno è veramente buona, dovrebbe esserci in ogni casa.”

Queste sono le parole della nostra cliente Sara Coletta: una giovane studentessa che soffre di sinusite da anni.
La terapia farmacologica è stata sempre quella seguita: ammette di non aver avuto negli anni miglioramenti. Grazie al consiglio di una conoscente si è sentita incuriosita di rivolgersi da noi.
Sara ha fatto un ciclo di 10 sedute in Grotta, da SALGEMMA.

Ecco la sua testimonianza:

“Ho conosciuto la grotta tramite una signora che aveva già portato sua figlia. Dopo il ciclo di sedute in Grotta, ho avuto ugualmente qualche raffreddore, ma i sintomi della sinusite si sono attenuati e ho avuto meno dolore quando mi sono ammalata.

Considerando i miei risultati, la consiglierei assolutamente: la trovo molto efficace per i disturbi che può curare ma anche molto rilassante.
Sono stata molto regolare, come consigliatomi: le mie sedute si sono svolte due volte a settimana.

Penso che anche il locale sia molto bello, pulito, rilassante… sembra davvero un piccolo ristoro da tutta la fretta che troviamo fuori.
Il personale è molto disponibile e gentile.
Bellissima l’accoglienza in grotta e la possibilità di assaggiare le tisane a fine seduta. Buonissimi gli infusi e il cioccolato, utile anche il sale per i lavaggi e le inalazioni. Complimenti. Grazie a voi. A presto.”

thank-you

Prenota il tuo ciclo di sedute in Grotta, chiama lo 0776 326009.
Se sei un genitore, i tuoi bambini entreranno con te, gratuitamente.

 

 

La scelta è tra aria SECCA e aria UMIDA?

NO.
La scelta non è tra aria secca e aria umida.
La soluzione corretta è respirare in un ambiente che ha il “giusto” tasso di umidità.
Sia l’aria umida che l’aria secca influiscono negativamente sulla nostra salute, soprattutto per quanto riguarda le funzioni respiratorie.
UMIDITA’ ALTA (superiore all’80%)
Ambienti umidi favoriscono la proliferazione degli acari e l’insorgere di muffa, con possibili ripercussioni sulla salute, in particolare continui disturbi alle vie respiratorie e allergie.
UMIDITA’ BASSA (inferiore al 20%)
Ambienti secchi sono ugualmente pericolosi per la salute: la eccessiva secchezza dell’aria fa perdere alle mucose la loro capacità filtrante. Gli agenti patogeni (acari, polveri, batteri, muffe, virus) che si trovano nell’aria penetrano più facilmente attraverso le vie aeree, provocando disturbi respiratori ripetuti: secchezza alle fauci e alle vie respiratorie, rischi di infiammazione, fastidio a respirare e a produrre saliva.
Quale è il valore ottimale di umidità dell’aria?
E’ quel valore che ci consente di “percepire” la temperatura al medesimo valore di quella “effettiva”.
Ricordate quando in estate, a causa della forte umidità, una temperatura effettiva di 35°C può essere dal nostro organismo “percepita” ad oltre 40°C? Ed ecco la sensazione, in questo caso, di caldo “afoso”. Stesso discorso per l’umidità elevata in inverno, che provoca malessere e disturbi articolari.
________________________
All’interno della Grotta Salgemma il microclima è costante, regolato a valori fisiologici, cioè a valori ideali di massimo comfort e benessere per l’organismo.
Quali sono questi valori?
Temperatura di circa a 20 gradi
Umidità tra 40-60%
Salgemma presta quotidiana cura e controlli ripetuti ai valori del microclima della sua Grotta, affinché i valori di temperatura e di umidità siano ottimali.
In Grotta la sensazione oggettiva di benessere è dunque data da questi valori di temperatura e umidità costanti tutto l’anno ma anche da altri valori importanti, che già conosciamo:
– ionizzazione negativa dell’aria, grazie alle 12 tonnellate di Sale Himalayano alle pareti.
– salubrità dell’aria: assenza di carica batterica grazie all’ambiente completamente saturo di sale.
– salinità dell’aria, grazie a fonti naturali di salinità ulteriori della Grotta: pavimento interamente rivestito in sale del Mar Morto, due cascate di Acqua Madre e una torre di raffinazione.
g1
Zona Giochi per sedute riservate a bambini.

 

Ti aspettiamo in Grotta, per la tua prima seduta!
Sedute da 45 minuti adatte a famiglie con bambini e ad adulti, su prenotazione del giorno e dell’orario.
Coadiuvante naturale privo di effetti collaterali.
___________________________
Salgemma La Grotta di Sale
via degli eroi – Cassino
0776 -326009
328-2710655

 

Sicuro di voler eliminare tutto il sale dalla tua alimentazione?

 

 

sale-coloreIl sale è probabilmente l’ingrediente più importante in cucina.

Senza questo prezioso condimento i tuoi piatti sarebbero insipidi e poco gradevoli.

Ma il sale NON serve solamente a insaporire i piatti, svolge anche importanti funzioni all’interno del tuo corpo:

  • è la tua principale fonte di sodio
  • è uno dei componenti di plasma sanguigno, fluido linfatico, liquido extracellulare e liquido amniotico
  • favorisce la salute in generale e l’equilibrio dei liquidi all’interno e all’esterno delle tue cellule
  • aiuta il cervello a inviare segnali ai muscoli affinché possano muoversi
  • è il nutrimento della mente. Senza il potassio e il sodio, contenuti nel sale, —>nessun pensiero sarebbe possibile

Per questi motivi NON devi accontentarti di un sale qualsiasi, ma scegliere quello giusto e naturale.

I diversi tipi di sale

Ci sono tanti tipi di sale tra cui scegliere: i diversi tipi non si distinguono solamente per gusto e consistenza, ma ci sono anche alcune differenze nel contenuto di sodio e minerali.

Questo articolo esplora il contenuto dei tipi di sale più usati e infine ti offre un confronto diretto delle proprietà nutrizionali per aiutarti a scegliere nel modo giusto.

Che cos’è il sale e quali sono i suoi effetti sulla salute?

Il sale è un minerale cristallino costituito da due elementi, il sodio (Na) e il cloro (Cl).

Il sodio e il cloro sono essenziali per la vita degli animali e degli esseri umani.

Questi due elementi sono necessari per aiutare il cervello e i nervi ad inviare impulsi elettrici.

La maggior parte del sale del mondo è raccolta nelle miniere di sale o facendo evaporare l’acqua di mare (o altre acque ricche di minerali).

Il sale viene utilizzato per vari scopi, ma il più comune è quello di insaporire il cibo. Viene utilizzato anche come conservante alimentare, perché i batteri hanno difficoltà a proliferare in un ambiente ricco di sale.

La ragione per cui è spesso visto come dannoso (se consumato in grandi quantità), è che può legarsi all’acqua nel sangue e aumentare la pressione sanguigna.

Non ci sono prove comunque che la riduzione del consumo di sale possa prevenire gli attacchi cardiaci, l’ictus.

—-> La maggior parte dell’eccesso di sodio nelle diete occidentali proviene dagli alimenti trasformati. Se mangi soprattutto cibo integrale e alimenti non raffinati, allora aggiungere un po’ di sale ai tuoi pasti non ti farà male.

I problemi del sale da cucina

Purtroppo, nonostante tutte le possibilità che la natura ci offre, il sale più usato oggi rimane quello da cucina, raffinato e ripulito, ridotto a cloruro di sodio “isolato” e innaturale. Inoltre questo a questo sale di solito vengono aggiunte varie sostanze chiamate antiagglomeranti, per evitare che i granuli di sale si “attacchino” tra di loro.

Il sale da tavola alimentare ha una composizione quasi pura di cloruro di sodio, o superiore al 97%.

Cosa succede quando condisci i tuoi piatti con questo sale così raffinato e povero di nutrienti?

Non avendo ricevuto quei minerali di cui aveva bisogno, il corpo lo richiede in quantità sempre maggiori.

Inoltre questo sale (quello che compri al supermercato) – così innaturale – viene riconosciuto come un veleno aggressivo da eliminare così l’organismo mette in atto una reazione a catena per liberarsene:

  • gli organi escretori si affaticano per neutralizzarlo
  • il cloruro di sodio viene circondato da molecole di acqua, che viene per questo sacrificata e sprecata
  • si genera un circolo vizioso che fa aumentare il livello di acido urico, provocando artriti, artrosi, calcoli renali e biliari e anche danni visibili all’esterno, come cellulite e arrossamenti

Questo tipo di sale (quello da cucina o sale marino raffinato) è per questi motivi tra i maggiori imputati di:

  • pressione alta
  • invecchiamento precoce
  • rigidità mentale e muscolare

 

Il sale marino integrale

Il sale marino integrale è ottenuto per evaporazione dell’acqua di mare e come il sale da tavola, è costituito per lo più da cloruro di sodio.

Tuttavia, a seconda del luogo in cui viene raccolto, può contenere o meno una certa quantità di minerali come potassio, ferro e zinco.

Più il sale marino è scuro, maggiore è la concentrazione di “impurità” e di sostanze nutritive.

E’ sicuramente un sostituto più genuino del sale da cucina, ma NON ha più sulla nostra salute l’influenza positiva che aveva in passato.

A causa dell’inquinamento degli oceani, il sale marino può contenere anche tracce di metalli pesanti come il piombo (Leggi qui lo studio).

Ha di solito un sapore più “forte” rispetto al sale raffinato proprio perché le tracce di minerali e le impurità possono anche influenzare il gusto.

Il sale rosa dell’Himalaya

Il sale dell’Himalaya è raccolto in Pakistan e si estrae dalla miniera di sale di Khewra, la seconda più grande miniera di sale del mondo.

Spesso contiene tracce di ossido di ferro, che gli conferiscono il particolare colore rosa.

Contiene anche piccole quantità di calcio, ferro, potassio e magnesio. Contiene inoltre quantità di sodio leggermente inferiori rispetto al comune sale.

E’ un prodotto puro, senza residui di tossine, e che ha anche una potente funzione disintossicante.

É adatto a tutti gli scopi alimentari, per i bagni e ovunque serva una soluzione marina.

 

Qual è il sale più sano?

Purtroppo non ci sono studi che mettono a confronto gli effetti sulla salute dei diversi tipi di sale.

Se anche un tale studio fosse stato fatto, è difficile che si sia trovata una grande differenza. La maggior parte dei sali sono simili, costituiti da cloruro di sodio e piccole quantità di minerali.

Il vantaggio principale nella scelta di un tipo di sale più “naturale” rispetto a uno raffinato è quello di evitare additivi e antiagglomeranti che sono spesso aggiunti e fanno male.

Quali sono le quantità raccomandate di sale?

L’American Heart Association ha suggerito di limitare il consumo di sodio a meno di 1.500 mg al giorno per diminuire i rischi di ipertensione, ictus e obesità.

L’American Journal of Clinical Nutrition ha stabilito che un prodotto è ad alto contenuto di sodio se ne contiene più di 500 milligrammi per porzione da 100 grammi. Viceversa un prodotto è a basso contenuto di sodio se contiene meno di 120 milligrammi per 100 grammi.

In realtà uno studio condotto da ricercatori dell’Università di Leuven in Belgio ha evidenziato che ridurre la quantità di sodio non determina in realtà la riduzione delle malattie cardiache. In primo luogo, hanno misurato i livelli di sodio nelle urine di 3.681 persone sane a 40 anni. Poi hanno monitorato la loro salute per i successivi otto anni. Le persone con i livelli di sodio urinario più alti – un segno di un maggiore apporto alimentare di sale – hanno avuto il più basso rischio di sviluppare malattie cardiache. Viceversa, le persone povere di sodio avevano un tasso di mortalità per malattie cardiache quattro volte più alto rispetto a chi mangiava più sale.

Alla luce di questi dati contrastanti, la cosa migliore è sempre la via di mezzo. Non va bene abusare del sale, ma nemmeno evitarlo completamente.

Infatti anche un basso livello di sodio fa male, perché può inibire il recettore della serotonina (un antidepressivo naturalmente prodotto dal nostro corpo). Cambiamenti di umore e di appetito sono tra le prime manifestazioni evidenti di carenza di sodio.

 

Ricapitolando: il sale è indispensabile, ma va consumato con saggezza. Scegli sempre le alternative naturali, usalo moderatamente per riscoprire il naturale sapore del cibo.

(tratto da un articolo di Francesca Forcella Cillo)

Come PAPA’, ecco cosa posso dirvi della mia esperienza da Salgemma…

Ecco la testimonianza di Gabriele D’Aviero, cliente Salgemma La Grotta di Sale.

Il signor D’Aviero, insieme alla moglie, ha sentito parlare della nostra Grotta di sale durante una conversazione con una coppia di amici, anche loro genitori.

L’iniziativa vera e propria di “provare” le sedute in Grotta per il proprio figlio è scattata sull’invito del pediatra Otorino.
Il bambino del signor D’Aviero ha tre anni e ci viene riferito che soffre in modo ricorrente di mali stagionali, in particolar modo di otite.

Noi di Salgemma gli spieghiamo le caratteristiche della Grotta, la sua possibilità di essere efficace come coadiuvante naturale a livello respiratorio e la necessità di rispettare una cadenza regolare di sedute.
Ed è così che dopo il primo ciclo di 5 sedute, la famiglia D’Aviero decide di aggiungerne altri due, per un totale di 15 sedute che si svolgono con appuntamenti presi due volte la settimana.

Il bambino in Grotta si diverte, la durata della seduta (45 mins) trascorre in modo piacevole, tanto da far capricci al momento di dover uscire.

Chiediamo al signor D’Aviero, quando ritorna da noi dopo un anno, quale sia la sua opinione circa l’esperienza in Grotta. Ci risponde:

“Il riscontro principale che abbiamo avuto è la maggiore velocità del bambino nel superare i malanni stagionali.
La Grotta è stata utile anche come prevenzione, per questo abbiamo deciso di ripetere il ciclo anche quest’anno”.

Visita il nostro sito, http://www.salgemma.eu, nella sezione “Grotta Family” troverai importanti indicazioni circa l’ambiente della Grotta e altri articoli correlati da leggere.

Non esitare a contattarci per esporre qualsiasi tipo di dubbio.
Ci trovi a Cassino, via degli eroi.
0776-326009
328-2710655 (anche Whatsapp)padrefiglio.jpg

“PER CURIOSITA’ E UN PO’ SCETTICA, dopo essermi documentata…”

grazie

Ecco la recensione di una delle nostre clienti:

<< Con l’arrivo dell’autunno arrivano i primi malanni stagionali,soprattutto per la mia piccolina di 3 anni. Per curiosità e un po’ scettica, dopo essermi documentata sul web dei benefici e degli effetti del sale, ho deciso di provare la grotta di sale “Salgemma”.

La prima seduta è andata molto bene, ho trovato personale accogliente e professionale che mi ha messo subito a mio agio.Le persone in grotta vengono fatte accomodare su sdraio molto comode e confortevoli all’interno di un’ambiente insonorizzato che ispira a primo impatto un’immediata sensazione di relax, per i più piccolini giochi come secchiello e paletta ricreano l’habitat marino e allo stesso tempo evitano che si annoino,il trattamento è quello dei migliori centri benessere con tanto di infusi naturali da bere in tranquillità al termine della seduta.

Frequentando la grotta con appuntamenti regolari settimanali ho riscontrato su me stessa e su mia figlia che il senso di pesantezza dovuto alle vie respiratore intasate svaniva molto più velocemente.

Il trattamento a base di sale e le proprietà mucolitiche di quest’ultimo non sostituiscono le terapie farmacologiche ma sono dei validi alleati per sconfiggere patologie respiratorie e non solo. Consigliatissimo ! >>

 

RECENSIONE della signora Celeste Ventre – Cassino – , cliente Salgemma, insieme alla figlia di 3 anni, e al suo secondo ciclo completo di sedute in Grotta.

 

 

Le sedute in Grotta rappresentano una metodologia di trattamento naturale: Salgemma non può, e non intende in alcun modo, sostituire l’importante funzione diagnostica e terapeutica della medicina, della psicologia e della psichiatria.

 

REGALA eleganza e benessere per NATALE!

Per questo Natale, sarà il “donare benessere” il concetto che guiderà
la tua scelta nei regali.

Oltre alla loro indubbia bellezza estetica, le Lampade di Sale Himalayano hanno moltissimi effetti positivi sulla nostra salute.
Gli effetti positivi più noti sono quelli di neutralizzare le particelle di polvere, polline e altri agenti contaminanti che svolazzano nell’aria.
Questo è un effetto grandioso per coloro che soffrono di Asma e Allergie.

Ogni nostra lampada di sale è stata prodotta artigianalmente direttamente nel luogo di origine per preservarne le proprietà esclusive. Ogni lampada ha inoltre la propria forma, splendida, la propria particolare sfumatura di colori, dunque la propria unicità.

 

Puoi visionare tutte le nostre lampade sul sito http://www.lampadedisalestore.com.

Direttamente dal tuo cellulare o dal tuo PC potrai ordinare la tua lampada o scegliere quella perfetta per la persona che ami e fargliela recapitare direttamente a casa!

Potrai, in alternativa, ritirare direttamente la tua lampada in sede, presso Salgemma La Grotta di Sale, in Cassino (FR).

Tutte le altre informazioni riguardanti i sei benefici delle nostre lampade di sale himalayano, i pareri medici a riguardo e le risposte ai dubbi più frequenti li trovi navigando nel nostro sito.

Ti aspettiamo qui—-> http://www.lampadedisalestore.comcartellone natale.jpg

L’unico modo per curarsi con gli antibiotici è usarli il meno possibile

 

 

03 ottobre 2016

Recentemente i paesi delle Nazioni Unite hanno firmato una dichiarazione che riconosce l’aumento della resistenza agli antibiotici come un rischio per la moderna medicina. È un buon inizio, ma è solo un inizio. E il tempo sta per scadere.

“La diffusione della resistenza batterica sta diventando più rapida dello sviluppo di nuovi antibiotici”, ha avvertito la direttrice generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Margaret Chan. “Data la scarsità di prodotti sostitutivi, il mondo sta andando verso un’era post-antibiotica in cui malattie comuni torneranno a uccidere”.

–>La dichiarazione dell’Onu chiede di diminuire l’uso di antibiotici per preservarne l’efficacia, facendo invece un migliore uso dei vaccini e investendo più denaro per sviluppare nuovi antibiotici. Ma non prevede nessuno stanziamento di fondi e non rende illegale la pratica di somministrare dosi minime di antibiotici negli animali d’allevamento. L’Onu non può farlo: è una decisione che spetta ai governi nazionali.

Un recente studio di Public Health England ha scoperto che la proporzione di batteri campylobacter resistenti alla ciproflaxacina, l’antibiotico abitualmente usato in caso di intossicazione alimentare, è cresciuta dal 30 al 48 per cento negli ultimi dieci anni. Se non facciamo qualcosa rischiamo di tornare indietro al diciannovesimo secolo per quanto riguarda la nostra capacità di controllare le infezioni. Anche ferite minori e semplici operazioni diventerebbero potenzialmente mortali.

Lo stesso vale per le malattie infettive. Nel diciannovesimo secolo la tubercolosi era la principale causa di morte dei giovani e degli adulti in Europa e in America. Con la scoperta della streptomicina nel 1944, dell’isioniazide nel 1952 e della rifampicina negli anni settanta, ha smesso di essere un grave problema sanitario. Ma adesso la resistenza ai farmaci è diventata tale che almeno 190mila persone in tutto il mondo sono morte di tubercolosi lo scorso anno.

L’80 per cento della produzione di antibiotici statunitense è destinata ad animali d’allevamento

Il problema della resistenza batterica è noto da tempo. Se gli antibiotici uccidono tutti i batteri pericolosi nella persona o nell’animale al quale vengono somministrati, allora non si sviluppa alcuna resistenza. Ma se uccidono solo quelli più deboli, perché il dosaggio è molto basso o perché il trattamento non viene portato a termine, allora i batteri sopravvissuti saranno più resistenti e trasmetteranno la loro resistenza a tutti i loro discendenti. A loro volta questi saranno selezionati in modo analogo, e la resistenza aumenterà gradualmente. L’unico modo per far sì che gli antibiotici restino efficaci, quindi, è usarli il meno possibile e fare in modo che quando vengono usati essi uccidano tutti i batteri presi di mira.

Ma non è quello che succede attualmente. I dottori prescrivono antibiotici troppo spesso, spesso solo per permettere alla gente di non andare al lavoro (e talvolta ottenendo una “mancia” dalle case farmaceutiche per ogni ricetta che scrivono). E nessuno controlla che i pazienti completino il ciclo di farmaci anche quando si sentono meglio.

Ancora più pericolosa è la pratica di somministrare regolarmente piccole dosi di antibiotico a bovini, suini e polli, sia per evitare il diffondersi di malattie nelle condizioni insalubri e anguste degli allevamenti intensivi, sia per fare in modo che prendano peso più velocemente. Poterli portare al mattatoio con una o due settimane d’anticipo significa più denaro in tasca.

Questa sciagurata pratica è vietata nell’Unione europea, ma è ancora comune in Cina e negli Stati Uniti. L’80 per cento della produzione di antibiotici statunitense è destinata ad animali d’allevamento che non sono malati. Inoltre, man mano che i metodi d’allevamento intensivi si diffondono nei paesi in via di sviluppo, lo stesso accade per l’uso di antibiotici.

“Abbiamo ormai prove schiaccianti di una sempre maggiore resistenza agli antibiotici, per tutte le età, e in tutto il paese”, ha dichiarato il dottor Vinod Paul, capo del reparto pediatrico all’Istituto di scienze mediche All India di New Delhi.

C’è anche bisogno di una nuova generazione di antibiotici che sostituisca quelli ormai inservibili. Per farlo occorrerebbe convincere le grandi case farmaceutiche a cambiare le priorità della ricerca. Ma per le aziende è più redditizio sviluppare nuovi farmaci che curano i problemi di salute cronici dei ricchi, e quindi servirebbero finanziamenti pubblici.

antibiotici.jpg

Bisognerà fare tutto questo farlo in fretta. “Di questo passo”, ha dichiarato il dottor Chan all’Onu, “anche una malattia comune come la gonorrea potrebbe diventare incurabile. I medici saranno costretti a dire ai pazienti: ‘Mi spiace, non posso fare niente per lei’”.